Un problema tecnico al Nasdaq nella seduta di lunedì 3 luglio ha influenzato l’andamento dei titoli tecnologici. Il guasto ha fatto sì che siti di informazione finanziaria come Bloomberg, Reuters e Google Finance abbiano pubblicato informazioni sbagliate sul valore dei titoli nella giornata. Ad un certo momento, i titoli di colossi come Amazon, Microsoft e Apple erano tutti indicati al valore di 123,47 dollari.

La cifra era probabilmente quella usata per i test quotidiani, (mostrata a causa di un “uso improprio dei test”, ha detto il gruppo del Nasdaq in una dichiarazione ufficiale) ma gli investitori l’hanno presa per vera. Il cambio delle tempistiche dovuto alla vigilia dell’Independence Day negli Usa ha evidentemente spinto i fornitori a non correggere l’informazione.

Il valore di 123,47 comportava un crollo temporaneo del 14% per Apple, una perdita in capitalizzazione di mercato di 389 miliardi di dollari per Amazon, un salto di più del 79% per Microsoft, che valutava la compagnia a quasi mille miliardi (vedi grafico sotto) contro i 526,31 miliardi di dollari reali. Titoli come quelli del produttore di giochi online Zynga sembravano crescere: Zynga del 3000%, ebay del 254%, Redmond del 79%.

I prezzi sul sito ufficiale del Nasdaq apparivano inalterati ma quelli mostrati sulle testate come Bloomberg, Google Finance, Thomson Reuters hanno mostrato la cifra di 123,47 dollari. Google ha confermato che la sua sezione dedicata alla Finanza stava fornendo informazioni sbagliate e che era al lavoro per porre rimedio alla situazione.

Il guasto ha influenzato il calo dei titoli tecnologici registrato nella giornata. Se Amazon e Apple hanno subito cali pesanti, decisamente meglio è andata invece a Microsoft (+79% circa) o a Zynga, che ha messo a segno un rialzo illusorio di addirittura il +3.292%! Il Nasdaq ha fatto sapere che l’errore non ha avuto effetti reali sugli scambi, anche se alcuni trader alla Borsa di Hong Kong hanno raccontato di aver visto alcune operazioni concluse a quel prezzo. Sembra che poi siano state cancellate. Alla fine il Nasdaq ha chiuso la seduta movimentata in calo dello 0,49% a 6.110 punti.

Fonte: http://www.wallstreetitalia.com/nasdaq-si-guasta-apple-crolla-del-14/?utm_source=Facebook&utm_medium=link&utm_campaign=Facebook:%20WallStreetItalia

 
 

Il materiale e le informazioni contenute nel presente sito sono state elaborate soltanto a scopo informativo per cui non devono essere considerate consulenza legale e non costituiscono una relazione avvocato-cliente. L’utente è quindi espressamente ed esplicitamente tenuto a non basare le proprie azioni sul contenuto degli articoli e su quanto riportato nel sito. Non si garantisce l’accuratezza e l’integrità delle informazioni riportate e pertanto si declina ogni responsabilità per eventuali problemi o danni causati da errori o omissioni, anche nel caso tali errori o omissioni risultino da negligenza, caso fortuito o altra causa. Le risposte che vengono fornite gratuitamente via mail o con altro mezzo ai visitatori di questo sito non sono consulenze e non ci si assume alcuna responsabilità per le stesse.

La navigazione sul sito è completamente gratuita ed ogni informazione e relazione scambiata tra il titolare del sito ed i navigatori avviene senza scopo di lucro ed al di fuori di ogni attività commerciale o professionale. Il contenuto del sito è tutelato da copyright e può essere liberamente stampato ed utilizzato solo per uso personale e non commerciale.

L’utente prende atto che la navigazione nel sito avviene a suo esclusivo rischio. Né il titolare del sito, né altri soggetti che hanno collaborato nella creazione, produzione o immissione in rete dello stesso saranno responsabili per qualunque danno derivante dalla navigazione, comprese le operazioni di downloading, l’utilizzo di materiali scaricati, i problemi di trasmissione, errori, omissioni, inesattezze di qualsiasi tipo, interruzioni o ritardi, virus o altro. Il titolare del sito declina ogni responsabilità in merito al contenuto dei siti collegati tramite link, o in altra forma, al loro mancato aggiornamento o ad altri danni che possono verificarsi all’utente dalla navigazione sugli stessi. I titolari dei siti linkati che non gradissero il rinvio possono segnalarlo e saranno immediatamente rimossi.

Per ogni eventuale lite che insorgesse in merito all’accesso o all’uso del sito, o in relazione al download o all’uso del materiale inviato, o a qualsiasi altro titolo, tra il navigatore ed il titolare del sito o altri soggetti che hanno collaborato, collaborano o collaboreranno alla realizzazione e alla gestione dello stesso, l’utente accetta la giurisdizione dello stato italiano ed, in ogni caso, l’applicazione della legge italiana in vigore al momento della lite, indipendentemente dal proprio domicilio o dalla propria sede.
Tutte le attività poste in essere tramite il sito si intendono verificatesi in Svizzera.

English